La Voce di Trieste  -  Mercoledì 07 Settembre 2011

Carpe e cernie protagoniste da Carpe Artem

 

Sandro Ramani e Fabio Strazzi ci accompagnano finalmente, grazie alle loro opere sott’acqua, permettendoci un incontro emozionante con carpe e cernie. Il tutto incorniciato dall’entusiasmo, la guida e l’organizzazione di Monica Zaulovic e Bianca Di Jasio che, unitamente, hanno lavorato per concretizzare la possibilità di esplorare questo fantastico mondo.

 

Strazzi ha scelto le cernie per la loro leggerezza nei movimenti mentre accarezzano i fondali marini, regala allo spettatore paradisi fino ad ora inesplorati nel quale coglie il fulcro, l’essenziale, donando profonde emozioni con l’impatto dei colori forti in una semplicità artistica che denota grande capacità.

Ramani ha scelto le carpe Koi in quanto elemento tipico dell'iconografia artistica orientale. Si è sperimentato nella rielaborazione di questa icona classica, passando da versioni più classiche ad altre maggiormente connotate da un'impronta occidentale. In tutte si palesa il cromatismo e il contrasto, la ricerca della fluidità dei movimenti e delle atmosfere. La carpa insomma come soggetto senza tempo in grado di stimolare la capacità interpretativa di chi ne coglie il fascino. Fotografia e pittura su legno si uniscono.

Questo viaggio ha inizio il 9 settembre 2011, alle ore 18.30, con il vernissage presso l'atelier Carpe Artem in via del Trionfo 1 (Arco di Riccardo), a Trieste.

Rimarrà aperta fino a venerdì 16 settembre con i seguenti orari: da lunedì a venerdì ore 16.00 - 19.30, sabato ore 10.00 - 12.30 e 16.00 - 19.30.

 

I MIEI LIBRI IN VETRINA

 

© 2017 Monica Zaulovic